Piatti della tradizione pastorale

Ristorante vista mare a Quartu Sant’Elena

Ristorante Pizzeria La Marinella è un ristorante con vista mare a Quartu Sant’Elena che propone tutti i piatti tipici della cucina tradizionale sarda, oltre ad un ampio assortimento di pizza e un servizio di bisteccheria. Tradizionalmente questo tipo di cucina è meditteranea, fatta sia con prodotti provenienti dal mare, sia di tipo pastorale e contadino. Poiché l’isola è stata colonia di molti insediamenti da quello fenicio a quello pisano, anche nei piatti di questa terra le influenze sono tantissime. Si possono riconoscere tre tradizioni gastronomiche per quanto riguarda i piatti fatti con prodotti provenienti dal mare, ovvero quella più antica di origine fenicio-romana, quella più tipica della zona sud-ovest risalente all’occupazione genovese-pisana, ed infine quella con influssi catalani che comprende il territorio che si estende da Alghero alle Bocche di Bonifacio.
Uno dei prodotti tipici è la bottarga che si ottiene dalle uova di muggine, che dopo un processo di conservazione attraverso cui vengono compresse e seccate, possono essere tagliate a fette sottili e mangiate con il pane. Con la bottarga inoltre si condisce la pasta, accompagnata con olio extravergine d’oliva e aglio. Sempre per quanto riguarda il pesce, un altro prodotto molto caratteristico è la merca, derivato dalla muggine questa volta bollita e avvolta in una sacca di erba palustre, e la burrida, un gattucio marinato con aceto e noci. Non mancano poi varie zuppe di pesce e crostacei, alle quali si aggiunge del pomodoro e vari spezie per insaporire, mentre allo spiedo sono tipiche sia le anguille, molto apprezzate nell’isola. Nei piatti tipici a base di pesce ci sono poi le classiche spigole, dentici e orate, la cui pesca è tradizionalmente compiuta dai pescatori sardi. Infatti, di influsso genovese, è la tradizionale pesca ai tonni, e di conseguenza la produzione di tutti quei prodotti ad essi legati come la già citata bottarga, il cuore di tonno e il musciame. Tra i pesci azzurri i più pescati sono le alici, preparate ripiene, ma anche crostacei e molluschi come le celebri aragoste di Alghero. Anche le anguille sono diffuse soprattutto nell'oristanese, e vengono arrostite o fatte alla brace. Una specialità a base di pesce di vario tipo è la burrida, che prevede l’infarinatura e la frittura del pesce che poi viene condito con un sugo a base di aglio, aceto, noci, pinoli e mollica. Per quanto riguarda le zuppe vengono usati anche i crostacei, che uniti al pomodoro e al pane danno vita a la cassola, mentre un’altra preparazione tipica di quest’isola sono gli anemoni di mare fritti.
Il ristorante con vista mare a Quartu Sant’Elena Ristorante Pizzeria La Marinella propone anche piatti della tradizione pastorale, ovvero a base di carne prodotta dalla pastorizia. Si tratta di un tipo di cucina semplice che però varia molto, sia nei nomi che degli ingredienti, a seconda delle diverse zone dell’isola. Uno dei simboli della Sardegna e conosciuto in tutta Italia, è il pane carasau le cui origini si perdono nella notte dei tempi. Veniva usato dai pastori nelle lunghe traversate che facevano con il loro gregge, per questo è sottile e croccante, e ha la caratteristica di conservarsi molto a lungo. Questo pane, così come la sua variante chiamata guttiau, si ottiene grazie a una doppia cottura nel forno, diventando in tal modo un disco sottilissimo.
Per quanto riguarda gli affettati, caratteristico è il prosciutto di cinghiale, che di solito viene servito accompagnato da funghi, olive e formaggi. In quanto popolo di pastori, in Sardegna i formaggi più caratteristici sono naturalmente i pecorini, sia freschi che stagionati, come ad esempio il casizolu fatto anche arrosto e servito con miele.s